Padania Emilia Friuli Liguria Lombardia Marche Piemonte Romagna Sud Tirol Toscana Trentino Umbria Val D'Aosta Veneto Venezia Giulia
HOME Ambiente Araldica Buoni&Cattivi Maestri Cultura Diritto Economia Estero Federalismo Globalizzazione Immigrazione Lavoro Leggende Lingue Media Musica Poesie Sociale Sport Storia English Version Cerca Articoli Ultimi Aggiornamenti
Federalismo Federale
ADERISCI AI GIOVANI PADANI
MGP Federale
PUBBLICITA': ANCHE NOI APPOGGIAMO LA GRIN CARD, TESSERA SCONTI PER STUDENTI
MGP Nazionali
Scuola MSP
Università MUP
Il volantino del mese
clicca qui per vedere gli altri volantini Altri volantini
Istituzioni GAP
Sicurezza SGP
Nazioni Peninsulari
GIOVANI PADANI
Visitatori:
dal 18/07/2000
PADANIA FREEDOM
CAMPAIGN MADE IN PADANIA
Federalismo di MGP Federale
Ascolta questa pagina    Condividi:

ADRIANO OLIVETTI: L´ORDINE POLITICO DELLE COMUNITA´

Gian Maria Bavestrello

Ci sono pensatori, così come scrittori e artisti, il cui valore emerge molti anni dopo la loro scomparsa. La ragione è semplice, e consiste in una "colpa": quella di aver precorso i tempi, preconizzato il futuro quand'ancora i più non riuscivano a scorgere le tracce dei giorni a venire.
Così è per la maggior parte dei pensatori che, a vario titolo, criticarono un modello di Stato e di organizzazione sociale chiamato moderno ma, per loro, già vetusto e inefficace.
E' indubbio, a questo proposito, che leggere Olivetti significa riscoprire un pensiero integralmente federalista, concepito in un'epoca in cui la scena era contesa da ideologie che non ammettevano idee di rappresentanza estranee ai partiti e alle loro strutture burocratiche.
Adriano Olivetti nasce a Ivrea l'11 aprile del 1901. La vocazione per il mondo dell'industria la eredita dal padre Camillo, che nel 1908 fonda a Ivrea "la prima fabbrica italiana di macchine per scrivere". Dopo essersi laureato in chimica industriale al Politecnico di Torino, nel 1924 inizia l'apprendistato nell'azienda paterna come operaio.
Nel 1932 è nominato Direttore Generale dell'azienda, di cui diventerà Presidente nel 1938. In questa veste riduce l'orario di lavoro da 48 a 45 ore settimanali, a parità di salario, in anticipo sui contratti nazionali di lavoro.
Per quanto concerne la sua attività culturale, assieme a un gruppo di giovani intellettuali, fonda una nuova casa editrice, la NEI (Nuove Edizioni Ivrea), di fatto trasformata nel 1946 nelle Edizioni di Comunità.
In Europa, intanto, imperversa la seconda guerra mondiale e l'imprenditore si rifugia momentaneamente in Svizzera. Qui completa la stesura del libro "L'ordine politico delle comunità", in cui esprime le idee alla base di un Movimento Comunità, fondato successivamente nel 1947. La rivista "Comunità", invece, iniziate le pubblicazioni nel 1946, diventa il punto di riferimento culturale del Movimento.
Per tradurre le idee comunitarie in realizzazioni concrete, nel 1955 fonda l'IRUR - Istituto per il Rinnovamento Urbano e Rurale del Canavese - con l'obiettivo di combattere la disoccupazione nell'area canavesana promuovendo nuove attività industriali e agricole. L'anno seguente il Movimento Comunità si presenta alle elezioni amministrative e Adriano Olivetti viene eletto sindaco di Ivrea. Nello stesso 1956 diventa membro onorario dell'American Institute of Planners e vicepresidente dell'International Federation for Housing and Town Planning. Il successo induce Comunità a presentarsi anche alle elezioni politiche del 1958, ma risulta eletto il solo Adriano Olivetti. Nel 1959, anno in cui le Edizioni di Comunità pubblicheranno una sua raccolta di saggi sotto il titolo "Città dell'Uomo, è nominato presidente dell'Istituto UNRRA-Casas, creato in Italia per la ricostruzione post-bellica. Il 27 febbraio 1960 muore improvvisamente durante un viaggio in treno da Milano a Losanna, lasciando un'azienda presente su tutti i maggiori mercati internazionali.
Il pensiero di Olivetti, maturato come per Cattaneo e per Einaudi a stretto contatto con la realtà elvetica, si costruisce sul concetto di persona, quel concetto che rappresenta il termine medio fra individuo e collettività e che orienta il progetto di un ordine fondato sulla comunità, ossia su una dimensione territoriale, civica, culturalmente omogenea (una "provincia" riorganizzata su basi cantonali, potremmo dire), in cui sia possibile trasporre sul piano politico le relazioni dirette con l'ambiente di cui si è parte.
La comunità a cui pensa Olivetti è uno spazio socio-economico quotidianamente condiviso, sovrano e gestito da chi ne è reale protagonista, secondo principi fortemente partecipativi che escludono lo Stato da ogni gestione non sussidiaria. Il federalismo che ha in mente è sia politico sia economico, dovendo la comunità possedere azioni delle imprese al fine di nominarne alcuni dirigenti; una socializzazione priva di statalizzazione: idea non originale ma che aiuta a comprendere come il potere debba sorgere realmente dalle cellule fondamentali della vita democratica, fonti di legittimazione dei corpi rappresentativi superiori, in cui i partiti spiccano per assenza e in cui libertà economica e giustizia sociale possono trovare un equilibrio tecnico e pragmatico. Lo stesso concetto di democrazia è sviluppato in un'ottica "organica", affinché le competenze tecniche affianchino la volontà popolare ma sostituiscano la ricerca demagogica di consenso, allo stato attuale (e ciò vale tanto per Olivetti quanto per noi lettori del ventunesimo secolo) totalizzante e mistificatoria.
Il progetto di Olivetti è comunitario in quanto non prende le mosse da una semplice analisi economica e nemmeno da un'astratta elucubrazione giuridica. Olivetti si interroga sulla persona umana nei suoi rapporti sociali e politici reali, e sotto questo profilo cerca la strada migliore affinché il principio costituzionale che impone la rimozione di quegli ostacoli contrapposti al "pieno sviluppo della persona umana" non rimanga lettera morta.
Se altri pensatori comunitari avevano contrapposto romanticamente comunità e società, consuetudine e procedura, ponendo di fatto la propria aspirazione al di fuori dei sentieri della storia o consegnandola alla deriva delle opposte ideologie, Olivetti cerca di conciliare le due istanze. Egli auspica che la rappresentanza, chiave di lettura di ogni sistema democratico, sia degna e giustificata dalla dignità di chi si assume responsabilità in seno alla società, come auspica che la diversificazione sociale sia concepita come risorsa e non come limite o violenza gerarchica.
"All'alba di un mondo che speravamo nuovo, in un tempo difficile e duro, molte illusioni sono cadute, molte occasioni sfuggite, perché i nostri legislatori hanno guardato al passato e hanno mancato di coerenza e di coraggio. L'Italia procede ancora nel compromesso, nei vecchi sistemi del trasformismo politico, del potere burocratico, delle grandi promesse, dei grandi piani e delle modeste realizzazioni"
Ciò che sogna Olivetti è l'instaurazione di rapporto di prossimità fra la politica e i cittadini, capillarmente rappresentati su base sociale e soprattutto territoriale attraverso la necessaria riduzione di scala: dallo Stato alla comunità, luogo d'incontro e confronto in cui l'individuo diventa pienamente cittadino. Essa diventa così la base interpretativa della vita politica, il principio primo da cui far discendere le strutture istituzionali regionali e statali, l'edificio che è necessario in prima istanza edificare, dalle fondamenta dei "sentimenti", perchè l'uomo possa essere valorizzato nella propria natura sociale senza incorrere nel rischio di essere spersonalizzato o annullato fra grigie chincaglie burocratiche.
Nel pensiero di Adriano Olivetti la comunità locale diventa lo specchio della persona, e viceversa: se la prima non è libera di esprimere le potenzialità del proprio "sé", non lo può essere nemmeno la seconda. Ed è questa la lezione più alta ed attuale che si può trarre da un uomo per cui democrazia e libertà erano una missione, non retorica di partito.





PER APPROFONDIRE:

  • Federalismo contro la partitocrazia
    Adriano Olivetti

  • Inserito da: Verones in data 23/2/2005, ore 13:16
    Scritto in Padano per la parte Federalismo di MGP Federale
               

    Modifica questo articolo (solo per operatori)

     

    Stampa questa paginamandaci un messaggio

     

    Novità MGP Federale

    ADERISCI AI GIOVANI PADANI

    Documenti Volantini Foto
    Comunicazione
    Il manifesto del mese

    Per vedere l'archivio dei manifesti clicca qui.
    Approfondimenti
    Grazie Ragazzi!

    Spazi gestiti dal MGP su
    Tele Padania:
    Links Amici

    LINKS MGP
    Links Amici
    Banner Amici Giovani Padani
    IL BANNER del MGP
    (inseritelo nel vostro sito!)
    Parlamento del Nord
    Federazione Padana
    1996-2006

    Operatori

    Webmasters:
    Alle Gretti & Angiol Verones Webmasters
    GREEN RIBBON FOR PADANIA

    MOVIMENTO GIOVANI PADANI
    Via Carlo Bellerio, 41
    20161 MILÁN (MILANO) PADANIA
    Tel: 02/66211414 - Fax: 02/66211298
    IBAN : IT13 K076 0101 6000 0004 1839 200
    oppure C/C POSTALE 41839200 instestato a :
    Associazione Giovani Padani
    via Colombi 18, 20161 Milano