Padania Emilia Friuli Liguria Lombardia Marche Piemonte Romagna Sud Tirol Toscana Trentino Umbria Val D'Aosta Veneto Venezia Giulia
HOME Ambiente Araldica Buoni&Cattivi Maestri Cultura Diritto Economia Estero Federalismo Globalizzazione Immigrazione Lavoro Leggende Lingue Media Musica Poesie Sociale Sport Storia English Version Cerca Articoli Ultimi Aggiornamenti
ADERISCI AI GIOVANI PADANI
MGP Federale
PUBBLICITA': ANCHE NOI APPOGGIAMO LA GRIN CARD, TESSERA SCONTI PER STUDENTI
MGP Nazionali
Scuola MSP
Università MUP
Il volantino del mese
clicca qui per vedere gli altri volantini Altri volantini
Istituzioni GAP
Sicurezza SGP
Nazioni Peninsulari
GIOVANI PADANI
Visitatori:
dal 18/07/2000
PADANIA FREEDOM
CAMPAIGN MADE IN PADANIA
Tolkien di MGP Federale
Ascolta questa pagina    Condividi:

Il Signore degli anelli

di F.Agnoli

John R. Tolkien nasce nel 1892 in sud Africa ma ben presto si trasferisce in Inghilterra. Rimane presto orfano del padre e nel 1900 sua madre, Mabel, si converte dall'anglicanesimo al cattolicesimo. Non è una scelta facile in Inghilterra, perché comporta l'emarginazione e la riprovazione sociale. Dall'epoca di Enrico VIII infatti, quando venivano squartati e i loro corpi disseminati agli angoli delle strade perché fungessero da monito, i cattolici sono considerati come stranieri, anche se sul finire dell''800 la loro condizione è in parte mutata.
Presto Tolkien rimane orfano anche della madre e, pur essendo molto povero, con l'aiuto di un prete riesce ad entrare all'università di Oxford, dove studiano i rampolli dell'aristocrazia inglese. Nel 1915 viene chiamato in guerra, la I guerra mondiale, e non potendo sopportare la separazione dalla fidanzata Edith Bratt, si unisce a lei in matrimonio (nasceranno negli anni, quattro figli, uno dei quali diverrà sacerdote). Nella I guerra mondiale l'uomo scopre per la prima volta la sua piccolezza di fronte alle macchine di morte e alla tecnologia che lui stesso ha creato. Crolla così l'illusione illuminista-positivista, l'idea di un uomo capace con le sue forze, grazie alla scienza, di dominare il mondo e la realtà, totalmente, divenendo Dio a se stesso; affonda, con lo stesso clamore e dolore del Titanic, l'idea di poter procurare la felicità e l'immortalità, qui, su questa terra. Lo scrittore cattolico Domenico Giuliotti scrive: "Era il 1913…i cervelli, finchè non si smontavano nella pazzia, funzionavano automaticamente come gli stantuffi delle macchine che avevano inventate e delle quali stavano divenendo, senza saperlo, accessori. Il mondo avvolto giorno e notte nel fumo, nel fragore e nella polvere, puzzava di morchia, di benzina, di bruciaticcio e di bestemmia. E in mezzo a questo ciclo di lordure, l'oro rotolava sulla libidine e la libidine sull'oro, in avvinghiamenti spasmodici. Sembrava che, dopo aver rifiutato il cristianesimo, alla società inebetita fosse caduta la testa e si fosse posta in adorazione, così decapitata, dinnanzi alla materia, mentre questa, divenuta, per un prodigio infernale, micidialmente intelligente, si preparava ad annientarla".
Nel 1916 Tolkien combatte sulla Somme, in una battaglia epocale, fra le più disastrose della storia. La vita in trincea è segnata dall'ansia dell'attesa e del logoramento, dall'esposizione continua al fuoco di sbarramento, dalle nubi di gas stagnanti nell'aria, dal fango e dalla terra bruciata dalle granate e desertificata. Sono scenari che torneranno ne Il Signore degli anelli, per la descrizione della terra di Mordor, la terra dell'Oscuro Signore; così come torneranno il nemico lontano e senza volto, il coraggio, il sacrificio e il cameratismo dei soldati semplici, i tommies, i Frodo di tutti i giorni, di contro alla viltà e all'inettitudine degli ufficiali. A tale riguardo lo scrittore francese Bernanos, anche lui combattente, afferma: "Dio non ci ha lasciato che il sentimento profondo della sua assenza"; e ancora: "La maggior parte dei soldati ignorava perfino il nome di grazia…Voglio dire soltanto che forse erano stati talvolta degni di questa grazia, di questo sorriso di Dio. Infatti vivevano senza saperlo, in fondo a quelle tane fangose, una vita fraterna", una vita fraterna, e, tante volte, eroica, alla faccia di chi la guerra la aveva voluta, per lo più meschinamente e segretamente, come nel caso dell'Italia.
Rientrato dalla guerra Tolkien crea un sodalizio di amici con Lewis, Belloc e Chesterton. I quattro si trovano ogni martedì sera in un pub per parlare di letteratura, di fede, di vicende personali. Riguardo all'amicizia T. scrive: "La vita, la vita terrena, non ha dono più grande da offrirci"; e altrove, all'incirca: "quando due divengono amici si allontanano insieme dal gregge".
Diviene poi professore all'università di Oxford, dove insegna letteratura inglese, studia i miti nordici, si reca ogni giorno a messa e fa i conti con il problema del male.
Dopo la I guerra già un'altra si prepara: la dittatura comunista asservisce duramente 180 milioni di persone, quella nazista 60 milioni di tedeschi. Ma anche la sua Inghilterra, che si ritiene al di sopra di ogni critica, esercita una forte oppressione sull'Irlanda cattolica e sulle sue colonie. E' nella sua patria che inizia a provare "dispiacere e disgusto" di fronte all'imperialismo inglese e americano, e a divenire, insieme a Chesterton, un amante delle "piccole patrie", delle specificità e delle tradizioni locali, contro ogni tentativo di unificare, forzatamente o subdolamente. Oggi diremmo local contro global. Il mondo non bello che lo circonda nasce dall'orgoglio, dal desiderio di potere, sugli uomini e sulla vita, che, a livello poetico, viene raffigurato nell'anello. Sauron, colui che lo ha forgiato, il Nemico, il menzognero, tende ad unificare il mondo sotto di sé, ad appiattire, a livellare le diversità, gli uomini, i nani, e gli elfi, la Contea, Gran burrone, Gondor e Rohan…Un po' come fanno, con metodi diversi o analoghi, la Germania, la Russia, l'Inghilterra e l'America: T. non risparmia nessuno. Nel suo poema Sauron vuole imporre a tutti anche la stessa lingua, il Linguaggio Nero, soppiantando così tutti gli idiomi preesistenti: Tolkien, che ama profondamente la parola e i linguaggi, come espressione della diversità multiforme delle culture, ha paura che questo possa veramente avvenire. Nel 1945, lui che apprezzava profondamente il latino liturgico, lingua solenne, maestosa, sacra, e nello stesso tempo universale, cattolica, ha paura che una lingua non della preghiera ma del commercio e del denaro, non che unifica ma che colonizza, l'inglese, il suo inglese, si affermi sulle altre lingue. Nel 1945 prospetta inoltre un mondo post-bellico massificato, omologato, globalizzato, nella lingua, l'inglese, nei gusti, in ogni cosa: "trovo questo cosmopolitismo americano terrificante".
Quando scrive la sua opera più famosa Tolkien ha in mente questo mondo, il nostro, ma lo trasporta in un mondo mitico, metatemporale, perché sa che il problema del bene e del male è antico come l'uomo. Discende infatti dalla Caduta, termine con cui definisce il peccato originale: c'è in noi, fin da bambini, una tendenza al male che lotta con una tendenza di segno contrario. Si esprime nell'egoismo, nella superbia, nella volontà di dominio, sulle cose, nei rapporti con gli altri…
Per Tolkien non esiste, però, una contrapposizione manichea: non ci sono un Dio del bene e un Dio del male. Il suo riferimento filosofico è quello cristiano, da S.Agostino a S.Tommaso: Dio ha creato ogni cosa buona, omnia bona, ma ha lasciato la libertà di scegliere. Gollum, ad esempio, non è originariamente cattivo, anzi è una specie di hobbit: è l'anello a pervertirlo, rendendolo omicida e menzognero. Così Melkor e il suo servo Sauron sono semplicemente, come il Lucifero cristiano, degli angeli (Ainur) decaduti, che hanno deciso di opporsi al loro creatore, di cantare non più la sua musica armoniosa, creatrice, ma una musica propria, stridente e stonata, distruttrice. Melkor, divenuto il Nemico, assume gli attributi tipici di Satana, del diavolo: desideroso di potere, di gloria, menzognero, è, etimologicamente, "colui che è separato e che separa", che non ama, che cerca di guastare l'opera bella, armoniosa del creatore. Abita in una terra desolata, impervia, in cui pullulano macchinari e rifiuti industriali. Non ha amici o collaboratori, ma solo servi, come Sauron, o sciocchi servitori che sperano di essere un giorno padroni, come Saruman. Del male si può infatti divenire solo servi, perché abbracciando la menzogna e il vizio si perde la propria libertà. Ciò che cerca e ciò che vuole, Sauron, è l'anello: chi lo porta assume poteri immensi ma si lascia a poco a poco soggiogare. Non è il portatore, alla lunga, che decide, ma l'anello che decide per lui. Anche dell'anello si può essere solo servi, e non è lecito usarlo, usare un mezzo cattivo per fini buoni, come vorrebbe Sauron. In una sua lettera ad un figlio, dopo lo sganciamento della bomba atomica, che aveva permesso agli americani, e quindi anche agli inglesi, di essere totalmente vincitori, Tolkien afferma: "abbiamo usato l'anello!".
Ma se in questo tempo così "feroce" Sauron si è risvegliato, se la sua ombra si allunga da est verso le terre ancora libere e il mistero d'iniquità sembra totalmente dominante, non manca la speranza: l' "arbitro" della storia non è Melkor, ma Dio, che appare nel libro come una sorta di Provvidenza nascosta, che affida ai suoi il compito immenso di contrastare il male, di caricarsi del "fardello". "quando le cose sono in pericolo, qualcuno vi deve rinunciare, perderle, affinchè altri possano goderle". A caricarsi del fardello, come un novello Cristo portatore della croce, è il piccolo Frodo, un mezzouomo, apparentemente il meno adatto di tutti. Eppure è in lui che si realizza il detto secondo cui Dio ha scelto ciò che è debole in questo mondo per confondere i forti. Frodo è una creatura mite, semplice, attaccata alla sua terra, ma capace di sacrificio: questa è la sua grande virtù! Non è chiamato, come nelle cerche dei miti e delle storie passate, dall'Iliade alla Gerusalemme liberata, a conquistare qualcosa, ma a rinunciare, a sacrificarsi: "E' l'eroismo dell'obbedienza e dell'amore- scrive Tolkien-, non quello dell'orgoglio e dell'ostinazione, a essere il più alto e commovente". Eppure Frodo non è l'eroe senza macchia, il superuomo di Nietzsche o del positivismo, ma è il mezzouomo, l'uomo di tutti i giorni, il soldato semplice inglese della I guerra, il Tolkien qualsiasi chiamato a vivere in un'epoca spaventosa, ma ciononostante, a vivere con dignità e grandezza interiore. Ha le stesse paure di tutti: "Avrei tanto desiderato che tutto ciò non accadesse ai miei giorni!", esclama di fronte a Gandalf, che gli risponde: "Anch'io, come d'altronde tutti coloro che vivono questi avvenimenti. Ma non tocca a noi scegliere. Tutto ciò che possiamo decidere è come disporre del tempo che ci è dato". E altrove: "Non tocca a noi dominare tutte le maree del mondo, il nostro compito è di fare il possibile per la salvezza degli anni nei quali viviamo, sradicando il male dai campi che conosciamo". Di fronte al compito immenso che gli è proposto Frodo acconsente e parte; porta l'anello fino a Gran Burrone, ma qui una alleanza di elfi, gnomi, uomini e hobbit, la Compagnia, è chiamata a decidere: cosa fare e a chi affidare l'anello per il viaggio finale. Nessuno sembra adatto, e allora Frodo afferma: "Prenderò io l'anello, ma non conosco la strada". C'è, in questa affermazione, tutto il concetto che T. ha di eroismo: la generosità, il non arretrare di fronte alle responsabilità ("Prenderò io l'anello"), e nello stesso tempo l'umiltà, la necessità di un aiuto di una compagnia ("ma non conosco la strada"). Se guardiamo alla vita di T. ,tramite le sue lettere, la Compagnia diventano la Chiesa, gli amici, e la figura di Gandalf assume i contorni dell'angelo custode.
Eppure, lungo il cammino, Frodo dovrà fare i conti con sé stesso: il male, e questo è uno dei concetti più anti-moderni espressi da Tolkien, non è solo fuori, negli altri, nei sistemi politici ecc., ma in ognuno di noi, e va combattuto con coraggio e strenua lotta interiore. Anche Frodo è preso, talora, dal desiderio dell'anello, gli viene da pensare che in fondo se lo è meritato, oppure viene tentato di non vivere fino in fondo il compito che gli è affidato: devo stare, afferma, "in guardia contro i ritardi, contro la via che pare più agevole, contro lo scrollarmi di dosso il peso che grava sulle mie spalle".
Lotta con i nemici e lotta con se stesso. La sua forza sta nella disposizione d'animo che risulta, non senza difficoltà, vincente: il sostanziale desiderio di distruggere l'anello. La sua saggezza, ancora una volta come quella di Cristo, è una saggezza che il nemico considera "follia". Tolkien ha certo in mente questo concetto, la "croce scandalo e follia" per le genti, quando fa dire a Gandalf: "Ebbene, che la follia sia il nostro manto, un velo dinnanzi agli occhi del nemico! Egli è molto sapiente, e soppesa ogni cosa con estrema accuratezza sulla bilancia della sua malvagità. Ma l'unica misura che conosce è il desiderio, desiderio di potere, egli giudica tutti i cuori alla sua stregua. La sua mente non accetterebbe mai il pensiero che qualcuno possa rifiutare il tanto bramato potere, o che, possedendo l'anello, voglia distruggerlo: questa deve essere la nostra mira, se vogliamo confondere i suoi calcoli". Ancora una volta il concetto che l'eroismo, in questo caso la saggezza, consiste nella rinuncia, e non nel possesso. E', in fondo, un concetto che vale per ogni cosa: basti pensare che ogni vero amore umano, di marito, di moglie, di madre e di padre, di amico, passa dalla rinuncia, cioè dal riconoscere la presenza dell'altro, senza trasformare la persona amata in oggetto di possesso, senza volerlo stringere tra le mani, fino a soffocarlo.
La saggezza fasulla di Sauron, contrapposta alla follia di Frodo, richiama un'altra contrapposizione essenziale: quella tra Gandalf e Saruman. Entrambi rappresentano gli uomini di scienza, che sanno molto, che conoscono molto. Eppure non è dato a loro, non è dato a Gandalf, il compito più alto, quello di portare l'anello: l'intelligenza ed il sapere devono essere al servizio, e non strumento di potere. Inoltre ciò che distingue la nobiltà dei cuori non è la maggior o minor conoscenza, ma la disposizione della volontà, della libertà, al bene. La volontà, la libertà, è l'unica cosa totalmente nostra, mentre l'intelligenza ci è data. Il sapere, dicevo, è cosa buona, originariamente, come tutte, perché nasce dal desiderio naturale dell'uomo di aderire alla realtà, di leggervi dentro (intus legere). Ma come ogni cosa, anche il conoscere, la scienza, può essere usata negativamente, quando diviene orgoglio intellettuale, volontà di dominio, superbia. Saruman si illude di poter collaborare con Sauron e rimanere libero, si illude che egli voglia dividere il potere, si illude che "i saggi come noi potrebbero infine riuscire a dirigerne il corso, a controllarlo" in attesa, pur lungo un cammino di male, di plaudire "all'alta meta prefissa: Sapienza, Governo, Ordine". Saruman, come Sauron, come il diavolo Melkor, hanno un loro superbo disegno di mondo, che definiscono sapiente e ordinato, e nelle loro "fucine" plasmano mostri e manipolano creature. Non sono capaci di creare, perché questa è una prerogativa solo di Dio. Secondo la filosofia tomista infatti l'amore è diffusivo di se stesso, o, con una espressione più celebre, solo l'amore crea. I nemici del Creatore, allora, sono solo pallidi imitatori, scimmie di Dio, come Melkor, che cerca di suonare una melodia più bella di quella di Dio, e finisce solo per creare una disarmonia di suoni. Così Saruman, Sauron, Melkor, coloro che fanno cose per se stessi, per esserne i loro Signori, non creano ma manipolano, modificano, alterano, corrompono, determinando creature mostruose, ibridi, chimere come gli Orchetti. Il loro peccato è "il più grande che abbia(no) potuto commettere, l'abuso del (loro) più alto privilegio" .
E' evidente che nel dire questo Tolkien ha presente la realtà storica del suo tempo, come noi potremmo avere la nostra: nella Germania nazional-socialista e nella Russia comunista, gli esperimenti sugli uomini si sprecano. Nelle loro "fucine" diaboliche, nelle loro moderne cliniche, medici manipolatori si accaniscono sulla vita per esserne padroni, in un'ottica di "progresso" futuro e di benessere. Si parla di esperimenti negativi, che porteranno al miglioramento della razza umana (eugenetica), al miglioramento della vita degli uomini futuri… Come con la bomba atomica si vuole usare l'anello a fin di bene, ma non è possibile! Anche loro parlano di Giustizia e di Sapienza, di "diritti della scienza". Contemporaneamente le stesse teorie trovano spazio nel mondo anglosassone, americano ed inglese: Aldous Huxley, ad esempio, contemporaneo di Tolkien, grande letterato inglese, fratello di Sir Julian, primo direttore generale dell'Unesco, nel suo celeberrimo Brave new World, anticipazione dell'altrettanto celebre romanzo distopico di Orwell, immagina un mondo futuro in cui l'uomo sarà capace di indirizzare la natura a suo piacimento, creando, tramite fecondazione in vitro, individui superiori ed individui inferiori, gli alfa, i beta, i gamma…creando individui identici (clonazione)…

Non sono cose del passato, ma cose attualissime, che Tolkien, che descrive il nostro come "un mondo di mezzi migliori per fini peggiori", aveva già intravisto da un pezzo, anche grazie al suo grande amico Chesterton. Vi è la stessa presunzione oggi, nei nuovi Saruman, la Levi Montalcini, i Dulbecco, i Veronesi, gli Antinori, i Flamigni…Nel loro desiderio prometeico, sarumanico, di divenire creatori, padroni della vita, divengono invece manipolatori e corruttori, e cercano di espropriare a Dio le sue prerogative, commettendo "il peccato più grave". Basti pensare agli esperimenti del dottor Antinori, ginecologo romano che porta al punto giusto gli spermatozoi immaturi nei testicoli dei topi (come saranno, tra vent'anni, le già 4 creature nate in tal modo?); o alle proposte (solo proposte?) come quella di inseminare artificialmente una scimmia con seme umano, al fine di produrre ibridi, esseri subumani da destinare a mansioni di lavoro ripetitive o sgradevoli, o come serbatoi di organi da trapianto… al fatto che in Cina e in America tali proposte sono state realizzate con la creazione di un uomo-coniglio e di un embrione-mucca, inserendo DNA umano in ovuli di mucca (Sì alla vita, ottobre 2003). E chissà cosa succede, senza che si sappia.
Si pensi, ancora, a quanto ci dicono tutti i giorni i nostri quotidiani: "Transessuale adotta un bambino"; "Errore in provetta, nasce ermafrodito"; "Primo bebè figlio di due madri" (Il Giornale 31/1/'98; 16/1/'98; 15/6/98); "Adozioni ai gay: è possibile" (Alto Adige, 4/3/99)… Si pensi, per concludere, a quanto sostenuto dall'europarlamentare DS Gianni Vattimo: " ..c'è il rischio che degli embrioni si faccia commercio, che si operino manipolazioni illimitate, tali, si sottintende, da creare mostri, individui adibiti a deposito di organi per trapianti, schiavi. Potrà apparire scandaloso, ma non lo è poi tanto: dell'embrione come tale non ci importa nulla" (la Stampa, 6/2/'99).
Tolkien aveva già visto tutto questo, insieme a tante bruttezze del mondo moderno, e aveva indicato gli antidoti: il coraggio e la purezza di Frodo, l'amicizia dei membri della Compagnia, l'attaccamento alle tradizioni religiose cattoliche ("le radici profonde non gelano mai"), l'utilizzo della sapienza nei limiti della giustizia, la consapevolezza che, al di là dei "muri di questo mondo", esiste un Dio che dirige la storia, nonostante la presunzione di Saruman e le melodie disarmoniche di Satana.


Inserito da: Verones in data 22/3/2004, ore 21:33
Scritto in Padano per la parte Tolkien di MGP Federale
           

Modifica questo articolo (solo per operatori)

 

Stampa questa paginamandaci un messaggio

 

NovitÓ MGP Federale

ADERISCI AI GIOVANI PADANI

Documenti Volantini Foto
Comunicazione
Il manifesto del mese

Per vedere l'archivio dei manifesti clicca qui.
Approfondimenti
Grazie Ragazzi!

Spazi gestiti dal MGP su
Tele Padania:
Links Amici

LINKS MGP
Links Amici
Banner Amici Giovani Padani
IL BANNER del MGP
(inseritelo nel vostro sito!)
Parlamento del Nord
Federazione Padana
1996-2006

Operatori

Webmasters:
Alle Gretti & Angiol Verones Webmasters
GREEN RIBBON FOR PADANIA

MOVIMENTO GIOVANI PADANI
Via Carlo Bellerio, 41
20161 MIL┴N (MILANO) PADANIA
Tel: 02/66211414 - Fax: 02/66211298
IBAN : IT13 K076 0101 6000 0004 1839 200
oppure C/C POSTALE 41839200 instestato a :
Associazione Giovani Padani
via Colombi 18, 20161 Milano